Piano scolastico per la Didattica digitale integrata

Conseguentemente alla normativa emessa, integrazioni successive e sulla base di quanto indicato nelle recenti Linee Guida del 26.06.2020 “Qualora l’andamento epidemiologico dovesse configurare nuove situazioni emergenziali a livello nazionale o locale, sulla base di un tempestivo provvedimento normativo, potrebbe essere disposta nuovamente la sospensione della didattica in presenza e la ripresa dell’attività a distanza, attraverso la modalità di didattica digitale integrata. […]

 

Ogni scuola individua le modalità per riprogettare l’attività didattica, con particolare riguardo alle necessità specifiche degli alunni con disabilità, con Disturbi Specifici dell’Apprendimento e con altri Bisogni Educativi Speciali”. La DDI deve essere progettata tenendo conto del contesto, assicurando l’inclusività e la sostenibilità delle attività proposte evitando che queste siano una mera trasposizione di quanto viene fatto in presenza.

 

In caso di un eventuale peggioramento delle condizioni epidemiologiche e successive nuove situazioni di chiusura, le lezioni proseguiranno a distanza (Linee guida 07.08.2020). Il Piano scolastico per la Didattica digitale integrata (DDI), tiene conto delle esperienze e dei punti di forza rinvenuti nel corso della sospensione delle attività in presenza dello scorso anno scolastico. Può essere uno strumento utile per fornire:

  • gli approfondimenti disciplinari e interdisciplinari,
  • la personalizzazione dei percorsi e il recupero degli apprendimenti,
  • lo sviluppo di competenze personali,
  • una risposta alle esigenze dettate da bisogni educativi speciali.

 

Le attività digitali possono essere distinte in due modalità, che concorrono in maniera sinergica al raggiungimento degli obiettivi di apprendimento e allo sviluppo delle competenze personali e disciplinari:

  • attività sincrone, svolte con l’interazione in tempo reale tra gli insegnanti e il gruppo di studenti o il singolo;
  • attività asincrone, svolte senza l’interazione in tempo reale tra gli insegnanti e il gruppo di studenti come ad esempio attività di approfondimento individuale o di gruppo con l’ausilio di materiale didattico digitale fornito o indicato dall’insegnante; la visione di documentari o altro materiale video predisposto o indicato dall’insegnante; esercitazioni, risoluzione di problemi, produzione di relazioni e rielaborazioni in forma scritta/multimediale.


Ogni docente è responsabile delle scelte adottate.

 

 

Scarica il documento completo

 

12/10/2020